La bella e la bestia

 

In un paese lontano dell’ Italia, viveva nel suo splendido castello un giovane pescatore. Era viziato ed egoista. Durante una umida notte d’estate una vecchia mendicante si presentò al castello e chiese al giovane riparo dal freddo. La vecchia offrì al principe una rosa, ma lui la cacciò. Lei, allora, si trasformò in una bella fata e per punizione gettò un incantesimo sul castello trasformando il principe in una orribile bestia. Solo se fosse riuscito a farsi amare prima che la rosa incantata sfiorisse, sarebbe tornato uomo….

Inizia più o meno così il racconto della nostra ultima uscita. Squadra in formazione fortemente rimaneggiata. Er magnata sembra sia stato visto parlare con un lupo dalle parti di Gubbio. Indossava un sacco di iuta e beatificava frate sole e sora luna… Speed Simone ha detto che se lo sapeva prima… la pensano così a posteriori anche le 1000 persone imbarcate sul Titanic… se lo sapevano prima…

il Gazzosa ormai si trova a suo agio in spiaggia più o meno quanto farebbe un orso bianco… Pochi ma buoni insomma. Per la verità questa volta anche io ho partecipato da “invitato” visto che l’uscita è stata organizzata da un redivivo Flower e da un sempre verde Danielino. Esordio assoluto per il mitico Nanti, che tutti speriamo diventi una presenza abituale.

Ci muoviamo in direzione Ostia, il posto non ci ha mai dato grandissime soddisfazioni, ma per ragioni di opportunità ci sembra l’unica meta raggiungibile. Tralasciando le discussioni pre-partenza e post-arrivo decidiamo di montare nella zona dei stabilimenti.

Arenicola ed Americano nel sacco cercando di insidiare qualche bel mormorone e poi chissà…

Inizio a pescare con due canne montate in maniera speculare. Piombo scorrevole da 110gr e svolazzo di una metrata e mezza. Il mare è calmo e le canne rimangono in pesca abbastanza tranquillamente.

Segnali positivi arrivano dalla mancanza di alghe a funestare le lenze e dalla scarsa presenza di granchi mangiaesca.

Iniziamo a pescare verso le 21:00, la luna calante alle nostre spalle illumina discretamente poi delle sdraio trafugate ad uno stabilimento hanno completato l’opera. Si sta comodi insomma, ma siamo qui per pescare non per fare un’indianata no?

Alle 21:40 stavo raccontando al Nanti come a volte le mormore si possano fare anche a recupero per via della nuvoletta di sabbia che lo strusciamento del piombo crea quando… strike! La canna si punta.

Il recupero inizia con cautela cercando di capire bene cosa può essere… pesa, non mi chiede filo, ma pesa;

Lo svolazzo è fatto con uno 0,20 e quindi non è bene forzare. Quando riesco a spiaggiare la preda ecco la sorpresa… una bellissima “Razza quattrocchi” che alla pesa farà registrare quasi 600 grammi. E’ la prima volta che mi capita di catturare un’animale di quel tipo. Li per li in verità mi ha fatto una strana senzazione… faceva tutti versi tipo… “Aghrrrrr aghrrrrrrr aghrrrrrr” chissà le madonne che me stava a mannà porella… comunque la cosa più importante è che Orata ha rotto il ghiaccio!

Passano pochi minuti dalla cattura dell’alieno quando la canna innescata ad arenicola mi chiama ancora… quasta volta il combattimento è più difficoltoso un dai e vai pericoloso… ed arrivati proprio sottoriva… stock! via… un pò di inesperienza ed un bracciolo forse troppo sottile hanno facilitato la fuga del pinnuto!

Non perdiamoci d’animo e riproviamo comunque la serata può ancora regalarci qualche sorpresina…

La storia si ripete dopo una mezzoretta… canna in bando ferrata recupero e STOCK! Sbagliare è umano ma perseverare…

Una micromormora pecca di ingordigia al punto da infilarsi l’amo fino alla coda… purtroppo l’intervento di rimozione non va a buon fine ed il paziente muore sotto i ferri. La serata scorre veloce… è l’una e mezza quando il nanti esausto ci saluta e se ne va… Ci guardiamo in faccia e decidiamo che è quasi l’ora di chiudere anche per noi… all’1:56 però il botto finale… la Dedra parte ancora, una due tre testate e via…

facendo tesoro delle precedenti mangiate stavolta in canna c’era un finale dello 0,30 quindi in teoria avrei potuto spiaggiare anche una lavatrice Zoppas a pieno carico. Il recupero è fluido, ma anche questa volta ho la sensazione di tirare a riva un bel pesce. Ad una ventina di metri dalla riva una spanzata sull’acqua me lo mostra… un bel mormorone che alla pesa farà 480 grammi.

Chiudiamo e torniamo a casa… un particolare plauso va fatto al flower per aver fortemente caldeggiato questo posto, dove io non ci sarei onestamente neanche andato al mare, figuriamoci a pesca. Bravo Robby!

Un saluto a tutti ed alla prossima uscita!

 

4 Risposte to “La bella e la bestia”

  1. flower Says:

    Tralasciando alcune pecche comportamentali-caratteriali messe in mostra prima e durante la serata dal nostro caro orata, (c’è stato un momento in cui ho pensato di chiamare una squadra del CIM per farlo accompagnare in una buona clinica neurologica) devo ammettere che, almeno per me, c’è molto da imparare dal nostro caro amminastratore in quanto a tecniche di pesca… un 3 a 0 secco nei confronti miei e di danielino parla da solo.. complimenti e alla prossima che spero sia molto presto!!!

  2. SPEED Says:

    Caro Wolter noto con piacere che ormai le “tue pennellate romantiche” di tastiera farebbero invidia al piu’ispirato Michelangelo della situazione , cronache sempre ricche di ironia , passione ed un pizzico di soddisfazione nello sbeffeggiare coloro non sono interventu a questa battuta di pesca.

    Tuttavia ricordati che la squadra dei Ghost presto tornerà ad affiancarti sulla spiaggia e quindi non adagiarti troppo sugli allori …..

    Ciao e congratulazioni ancora……

    Speed

  3. ioeimieiamici Says:

    ciao Ragazzi, sono michele gia’ mi sono presentato e prendo al volo questo post per farvi una domanda che mi angoscia.. ho la possibilita’ di rinnovare le mie canne, (anniversario e la mia ragazza guarda il caso mi ha deciso di regalare una canna!!! l’altra la compro io..), vorrei un paio di canne sensibili ma al tempo stesso che mi facciano stare in pesca con un buon 100 125 gr, ho visto la dedra3 italcanna e la nexage o nexawe shimano, cosa mi consigliate? o avete altri consigli? grazie ragazzi sto andando pazzo…

    DAJE REGA’

  4. orata4me Says:

    Ciao Michele, sono contento di risentirti. Per quanto riguarda le canne che ti posso dire? Sai queste cose come sono… c’è chi predilige Italcanna, chi Shimano o Bad Bass… io credo che innanzi tutto la prima scrematura la faccia il prezzo. Io posso dirti che ho una Dedra3 e secondo me è un ottima canna… nel rapporto qualità/prezzo. Con gli amici del blog, abbiamo quasi soltanto Italcanna, ma anche la Shimano di Speed Simone è una bellissima “leggera”. La Dedra è una canna molto leggera che secondo me lavora bene con un 7000 (il 10.000 secondo me per via del peso lo soffre un pochino) è una 160 gr. quindi da il meglio di se con 125 gr. E’ molto sensibile in pesca, io riesco a vedere chiaramente le mangiate di piccole mormore… e la mormora non si può certo dire che combatta voracemente. Facci sapere comunque, uando in famiglia arriva una nuova canna è un evento lieto per tutti!🙂

    Ciao da Orata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: