Misure minime

spigolona.jpg 

Sono decine di anni che bazzichiamo spiagge, qualche molo, scogliere. Quando ci riusciamo proviamo a raccontare le nefandezze che accadono sotto il multiforme termine della pesca sportiva. Micro spigole trattenute nel nome della sacra frittura, stragi di innocenti e ignare castagnole, evidentemente figlie di un Dio minore, se si consente ad un solo agonista di catturarne anche 450 in una sola gara di tre ore. Poi campionati di SURF CASTING disputati alla disperata ricerca di ombrine di 7 o poco più centimetri. Addirittura una rivista del settore ha pubblicato in copertina una cattura di un tunnide che a personale opinione era ampiamente sotto la misura di legge. Siamo all’apologia di reato ma tranne qualche disperata voce si va avanti nel più cinico e colpevole silenzio.

Ci sono le leggi, quelle comunitarie, quelle dello stato italiano, quelle regionali. A personalissima opinione affinché le leggi siano applicate è necessario che ci sia qualcuno che sovrintenda al rispetto delle stesse. In Italia vi è mai capitato pescando in mare che una qualche autorità controllasse le dimensioni del pescato? A me non è mai capitato. E’ accaduto invece di essere cacciato via da qualche luogo solitario dove al massimo potevo infastidire qualche coppietta intenta ad altri piaceri. E’ capitato ancora di essere oggetto di minacce di verbali e sanzioni perché su quella spiaggia senza confini, dove il bagnante più vicino distava almeno 500 metri, era nel periodo interdetta alla pesca sportiva. Piccoli, banali, meschini tentativi di imporre “la presenza dello Stato”.

E’ capitato invece varie volte in Corsica che si avvicinasse la gendarmerie per controllare le misure dei pesci catturati e che non usassi esche proibite: leggi bigattino.

Riflettiamo: una spigola raggiunge mediamente il peso massimo di 10 chili, eliminando dalla casistica punte di eccezione. Una mormora raggiunge con lo stesso parametro di considerazione circa un chilo. Quindi la spigola raggiunge 10 volte il peso della mormora. Però la misura minima per detenere una spigola, almeno fino allo scorso anno è di 23 centimetri!! Ossia 10 grammi di testa, 10 di lisca, 10 di interiora, 5 o 6 di squame e forse 30 di polpa! “Ho preso 12 spigole tutte in misura!” Tradotto hai rubato al mare una dozzina, magari erano solo 8, di spigole lattanti con un peso complessivo massimo di 1,5 Kg. Vergognati!!!

“.. in gara ho fatto una strage! 8 mormore in misura (leggi oltre i 12 centimetri), 10 ombrine ( leggi 12 pesciolini che a vederli fanno solo pena) e sul coreano ho preso una spigola da 28!”

Tutto normale, tutto secondo le regole, tutto all’insegna della distruzione feroce!

Probabilmente quella stessa persona, invasato dal fuoco sacro dell’agonismo, in una battuta di pesca per diletto gli stessi pesci avrebbe provato ad evitarli e laddove catturati avrebbe almeno provato a liberarli.

IL regolamento Fipsas varato lo scorso anno prevede gare di 4 ore con una sola canna armata al massimo di tre ami. Ossia in termini aritmetici tre ami x 4 ore = 12.

Le deroghe concesse a tutti quelli che lo hanno richiesto prevedono gare con 2 canne armate con 3 ami ciascuna per 5 ore.

Vediamo in termini aritmetici cosa abbiamo: 2 canne x 3 ami = 6 x 5 ore = 30. Ossia la capacità di cattura delle gare in deroga sono 2,5 volte maggiori di quelle disputate ad una sola canna. E fortunatamente la FIPSAS è stata riconosciuta quale associazione che tutela la natura!

Allora le medicine sono molto semplici:

  1. Elevare le misure minime dei pesci ad un minimo di 15 centimetri anche per quei pesci che difficilmente la raggiungono vedi sparlotto. E’ mediamente più piccolo, bene non vale.

  2. Elevare le misure minime di specie ittiche pregiate come spigole, orate, ombrine, corvine almeno e dico almeno a 30

  3. Prevedere sanzioni pecuniarie a chi non rispetta tali disposizioni

  4. Istituire un servizio di controllo utilizzando i tanti ragazzi che svolgono volontariato

  5. Svolgere presso tutte le associazioni abilitate dei brevi corsi formativi circa l’attività di pesca.

Avremo risolto il problema? No nel modo più assoluto ma almeno si inizierebbe a discutere del problema seriamente.

Non ci lasciamo prendere certamente da estremismi forcaioli, ma ci rendiamo almeno conto che ad esempio un’ombrina supera tranquillamente i 10 chili? Ma qui in Mediterraneo non all’estero.

“non ci sono mezzi per il controllo!” Questa spesso la risposta. Allora interveniamo sulla catena di distribuzione. Nas, polizia municipale annonaria sanciscano con multe salate ma verosimili negozi e ristoranti che commercializzano pesci sotto misura!

Forse vi annoio. Ma il futuro della pesca sportiva non può assolutamente prescindere dai comportamenti individuali e collettivi. Arrivano norme sempre più restrittive sui periodi in cui la stessa pesca dalle spiagge e libera, i fermo pesca indiscriminati aumentano sempre più, i gestori dei lidi sono sempre più aggressivi.. ma qualche spiaggia dopo una gara o la concentrazione di molti pescatori perché il tam tam sulle catture è arrivato a molti, è qualcosa di desolante. Starlight lasciti nella sabbia, scatole di polistirolo vuote lasciate alla rinfusa, gomitoli di lenze tagliate lasciate sulla sabbia, magari ami compresi. La colpa è generale. Allora difendiamo la nostra pesca con comportamenti civili e degni di chi si sente uno sportivo. Poi sarà l’ennesimo cappotto perché i piccini li abbiamo rimessi in acqua? Meglio un cappotto che una strage. Poi diciamoci la verità, sappiamo tutti dove si rischia di catturare solo novellame, sappiamo in molti quali sono le condizioni per catturare qualche bel pesce. Iniziamo a denunciare alla stessa FIPSAS, al Coni, agli assessorati, ai ministeri, l’incuria, le nefandezze, l’abbandono ed i crimini contro la natura. Statene certi, potremo esserne orgogliosi.

Mimmo Marfè

2 Risposte to “Misure minime”

  1. orata4me Says:

    Chi di noi preso dal sacro fuoco della pesca non ha mai portato via dalla spiaggia una cattura sotto taglia scagli il primo piombo!
    Sotto questo punto di vista siamo o siamo stati tutti peccatori.

    La prima spigola non si scorda mai… o come dimenticare la prima volta che abbiamo visto “battere” la nostra canna… in quel caso non è importante la grandezza della cattura, ma è stupendo soltanto riuscire a portare in spiaggia la preda… qualcosa che ti faccia dire “oggi ho preso”.

    Questo è al limite accettabile per il principiante ma è assolutamente assurdo un comportamento simile da parte di un garista. Anche perchè magari il principiante riesce a tirarne fuori una o due e non 30 o 40 di microspigole o micromormore.

    Una volta mi è capitato di essere minacciato dalla Capitaneria di porto perchè stavo pescando con degli amici ai margini di un’area portuale a Civitavecchia. 1.500 euro di multa e ritiro dell’attrezzatura, era la pena che avrebbe dovuto spettarmi… mi è capitato invece frequentemente di battere i litorali romani, Ostia, Ardea, Campo di Mare e spessissimo ho visto con i miei occhi reti a 100 metri dalla spiaggia ritirate verso le 4 del mattino da un tranquillo barcarolo che con calma olimpica finiva il suo sporco lavoro indisturbato. E li la Capitaneria che mi ha cacciato da Civitavecchia dov’era?

    Per quanto riguarda il rispetto della spiaggia, il discorso cambia, perchè il senso civico non dovrebbe essere dote soltanto di garisti o esperti pescatori ma di tutti.

    Lancio una provocazione… ma non sarebbe possibile costruire scatoline per vermi con materiali totalmente biodegradabili? o magari in barba alla natura non si può fare perchè costerebbero più le scatole che i vermi?

    meditate gente meditate…

    Un saluto al grande Mimmo.
    Orata

  2. mimmo marfè Says:

    si ragazzi, è vero qui l’autorità interviene solo per reprimere noi. Ma ciò non giustifica altri “nostri” atteggiamenti. “Ho preso 500 castagnole in 3 ore.. E’ UN CAMPIONE!!!!!(????). Io vado a regolamento! 12 OMBRINE!!! da 8 centimetri!! “ho fatto il primo di settore!”. MANCANO LE REGOLE SERIE E L’EDUCAZIONE ALLA PESCA!!
    Non è rivolto a voi ma a chi consente queste nefandezze.
    Mimmo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: