MARE FORZA NOVE SI SPOSTA!!!!

agosto 10, 2007

mulo.jpg 

Come vi avevo preannunciato qualche tempo fa, il blog si sposta. Il nuovo indirizzo è www.mareforzanove.it

Il nuovo blog è già in linea, ci sono tutti i contenuti del vecchio ed in più sono state aggiunte alcume funzionalità. Alcune situazioni come ad esempio l’avviso di un nuovo post o l’invio di una newsletter debbono ancora essere abilitate, ma è già possibile registrarsi. Togliete quindi dai vostri preferiti questo indirizzo e ci vediamo tutti sul nuovo!!!

Ci vediamo su MAREFORZANOVE.it

Orata

Annunci

Dio salvi la Regina!

agosto 6, 2007

oratona.jpg 

L’orata è sicuramente una delle prede più ambite da ogni surfcaster. Andiamo a curiosare tra abitudini caratteristiche della regina dei nostri mari. 

Caratteristiche. Sua maestà, la regina Orata. Di tutti i pesci dotati di aspetto regale, l’Orata è indubbiamente quello che per diritto di nascita merita più di ogni altro il titolo di regina. Sul capo, infatti, l’Orata ha, proprio tra gli occhi, una specie di mezzaluna color oro che le dà il nome e che ricorda in tutto e per tutto una corona regale. L’Orata è un pesce superbo, severo, che incute soggezione. Ha un corpo alto, ovale e massiccio, ma lo porta con disinvoltura e signorilità. Il profilo è ripido e leggermente convesso. La mascella superiore è lievemente più lunga di quella inferiore e le labbra sono carnose ed evidenti. Ha da quattro a sei denti conici molto robusti nella parte anteriore di ciascuna mascella, seguiti da quattro o cinque file di denti molariformi nella mascella superiore e da tre o quattro file nella mascella inferiore.  La pinna dorsale è unica, ma mentre la parte anteriore è dotata di spine robuste, quella posteriore è costituita da raggi molli. La coda è potente e forcuta, la pinna pettorale è lunga e sottile. La pinna pelvica ha un raggio spinoso e cinque raggi molli. Il colore è grigio o brunito sul dorso, argenteo sui fianchi, bianco sul ventre. All’origine della linea laterale c’è una macchia scura molto evidente, mentre il bordo esterno dell’opercolo presenta una chiazza scarlatta. La caratteristica macchia d’oro visibile sulla fronte scompare dopo la morte dell’animale. Può arrivare a una lunghezza di settanta centimetri e a una decina di chili di peso. Le piace vivere in compagnia di pochi ma fidati compagni e si ciba di crostacei e di molluschi, che divora in gran quantità, triturandone i gusci con le formidabili mascelle. Il suo apparato digerente è invidiabile: sopporta ed assimila, come se niente fosse, i gusci spezzati delle conchiglie, che spesso inghiotte assieme alla polpa. La riproduzione avviene in autunno e, al contrario di molte specie che nel periodo degli amori si avvicinano alla costa, essa si sposta in zone più profonde, dove l’acqua è più limpida e più pura. 
 

Dove vive. L’Orata è diffusa nel Mediterraneo e nell’Atlantico orientale, dal Golfo di Biscaglia alle coste del Ghana. Le piacciono le acque tiepide e pertanto è facile trovarla lungo la costa d’estate e al largo d’inverno. Nella bella stagione, infatti, l’acqua superficiale è riscaldata dal sole, mentre dall’autunno in poi gli strati superiori dell’acqua si raffreddano. L’Orata si trova perfettamente a suo agio nelle acque salmastre delle lagune, specialmente dove ci sono i vivai di mitili, con i quali fa lauti banchetti. Ma non disdegna neppure i fondali rocciosi, ricchi di scogli, di canaloni e di spaccature. L’Orata non ama le profondità abissali, ma non si lascia sorprendere nemmeno dove l’acqua è troppo bassa: di solito la si incontra dai dieci-quindici metri ai cinquanta-sessanta.

Come insidiarla. Pescando da spiaggia si sono alcune osservazioni che è impossibile tralascare se vogliamo avere successo. L’orata è un pesce che non ingoia subito il cibo che ingurgita, quindi un piombo scorrevole può essere determinante per non creare subito resistenza nel momento in cui il pesce afferra l’esca. Il luogo in cui ci troviamo inoltre sarà determinante per capire con quale esca insidiare lo sparide. Se non ci sono scogli nelle vicinanze possiamo evitare di provare con la cozza, e magari volendo comunque realizzare un innesco voluminoso possiamo provare innescando un granchietto. Tra i vermi il Bibi va benissimo, ma buone possibilità di cattura si hanno anche innescando americano ed arenicola, a patto di realizzare comunque un innesco abbastanza voluminoso. Finali tendenzialmente lunghi ed ami robusti possono essere determinanti per sopportare la stretta di esemplari particolarmente grandi.

Dove osano i Tucani

agosto 2, 2007

fotonakik.jpg

“Quando il gioco si fa duro… i Tucani cominciano a volare” iniziamo il report dando il benvenuto ad una nuova recluta… Sappiamo che sarà una presenza occasionale, e siamo consci che sarà impossibile ammirarlo con una canna in mano; ci gustiamo comunque questo momento, diamo il benvenuto e presentiamo agli amici del blog il KIKKI comunemente detto “Tucano”.

Serata strana, organizzata velocemente, continuo a pensare che le infra siano soltanto un modo per mettere apposto la coscenza ma di pesca se ne veda ben poca, comunque quando il mare chiama si cerca sempre di rispondere presente!All’appello ieri hanno risposto, Er Magnata che dopo un periodo di allontanamento sta provando a tornare quello di prima… ricordati una cosa Robby, quello che ti ha sempre distinto a pesca non sono mai state le catture, ma lo spirito… Rivogliamo il tuo VECCHIO SPIRITO, poi il pesce verrà da sè. Risponde presente anche il Gazzosa, che dopo qualche tentennamento ceda al mio ricatto morale e decidete di bagnare i suoi piombi. Abituet delle nostre nottate ormai è Robby Flower vero mattatore dal punto di vista della grinta… applausi per te Flower, ma okkio alle ferrate :)Tra non poche polemiche strada facendo si sceglie il molo di Fiumicino come destinazione per la nostra battuta. I pro sono che con un pò di fortuna si può cercare di fare qualcosa di diverso dalle solite Mormore, i contro che conosciamo poco il posto, non siamo preparati per pescare come li si pesca; rimango convinto che la spiaggia è una cosa, le barriere artificiali ed i moli altro.

La serata non è fredda ed un leggero scirocchetto increspa il mare creando corrente che rende necessario piombare i terminali con qualcosa in più dei soliti 100gr. utilizzati nelle ultime uscite. Ci disponiamo sugli scogli in ordine sparso e tra difficoltà di posizionalemto e scomodità nei movimenti la situazione si presenta un pochino più stancante del solito. A guarnire una serata che non mi piace proprio c’è l’asilonido che trovo nel polistirolo dell’arenicola. Vermini fini come uno 0,30 ed americani piccoli come camole da miele….

Fortunatamente il vino portato dal Gazzosa rallegra la serata, anche se il vero numero della nottata il Gazza lo fa quando chiamato da un indigeno che all’interno del canale stava combattendo con una spigola da una kilata non riesce a “copparla” facendogliela scappare… Grande Gazza sempre il solito animalista! 🙂

Serata monotona, Er Magnata pensa bene di stuccare 3 volte la montatura, ed anche io con un incaglio in recupero perdo tutto shockleader compreso. Un sussultino… la canna di Robby Flower chiama… niente di mostruoso, ma qualcosa c’è… Robbi pensa bene dunque di avvicinarsi, prendere l’arnese e… FERRA come se avesse in canna un tonno… stamane leggevo sulla cronaca di Roma che una mandibola di un gronchetto è stata ritrovata sulla Cassia… a Robby ne sai qualcosa?

In ogni modo Robby è il primo a tirare su qualcosa, gronchetto mini per lui… voci di scoglio dicevano che anche il Gazza si fosse reso protagonista del recupero di una bavosa, ma non ne esistono prove fotografiche e quindi diciamo che la cattura è ufficiosa e non ufficiale! 🙂

Verso le 23:30 è la mia canna a battere… e dopo pochi minuti anche per me si materializza un gronchetto un pò più grandino di quello di Robby, ma pur sempre robbetta.

Verso mezzanotte siamo pronti per chiudere, l’estate è ancora lunga e di serate e report ne vivremo ancora molti, sicuramente quello che abbiamo vissuto ieri sera non sarà una serata che rimarrà nella storia dei GhostBusters!

Un saluto dal vostro Orata nazionale!

01.jpg02.jpg03.jpg04.jpg05.jpg06.jpg07.jpg08.jpg09.jpg10.jpg12.jpg11.jpg13.jpg

luglio 25, 2007

its.jpg Leggi il seguito di questo post »

Robby sapeva… ma nessuno gli ha creduto…

luglio 19, 2007

fotona-1.jpg Leggi il seguito di questo post »

Surfcasting a Numana

luglio 17, 2007

…forse fratello mio la scelta di non portare le canne da pesca durante in weekend che abbiamo fatto a Numana non è stata una scelta azzeccatissima…

Il ritorno del figliol prodigo

luglio 12, 2007

fotona.jpg Leggi il seguito di questo post »

Orata non parla… mormora!

giugno 25, 2007

iniziale.jpg Leggi il seguito di questo post »

La bella e la bestia

giugno 11, 2007

 

In un paese lontano dell’ Italia, viveva nel suo splendido castello un giovane pescatore. Era viziato ed egoista. Durante una umida notte d’estate una vecchia mendicante si presentò al castello e chiese al giovane riparo dal freddo. La vecchia offrì al principe una rosa, ma lui la cacciò. Lei, allora, si trasformò in una bella fata e per punizione gettò un incantesimo sul castello trasformando il principe in una orribile bestia. Solo se fosse riuscito a farsi amare prima che la rosa incantata sfiorisse, sarebbe tornato uomo…. Leggi il seguito di questo post »

Novità su Mare Forza Nove

giugno 1, 2007

foto-grandi.jpg 

Le cose più belle a volte nascono per caso…

Con i miei amici aspettavamo il lunedì per scambiarci le foto fatte nel fine settimana in spiaggia… Per chi non c’era lunghe telefonate a raccontare con che filo, con che mare e con quali risultati si era svolta l’uscita. Quindi l’idea di fare un blog, una cosa tutta nostra dove poterci virtualmente incontrare, scambiare opinioni, consigli e prese in giro. Nasce così Mare Forza Nove da una mia malsana idea ma grazie alla collaborzaione di tutti i miei compagni di sventura.

Siamo in linea da dicembre 2006 e mai avrei pensato di collezionare più di 10.000 accessi in sei mesi. Questo mi fa piacere e mi stimola a fare sempre di più. La cosa che più mi ha entusiasmato di questa avventura è la partecipazione (se pur spesso silenziosa) di utenti “anonimi”, cioè gente che non ci conosce fisicamente ma che come noi condivide la stessa passione.

Tra poco sarà disponibile il dominio www.mareforzanove.it e sto lavorando anche su un restyle grafico del blog… Mi piacerebbe inserire una newsletter che previa registrazione informi chi ne ha voglia delle novità presenti sul blog.  Mi piacerebbe anche dare la possibilità a chi partecipa ad un post di poter allegare qualche file al commento…

Chiaramente consigli e proposte sono ben accette. Vi terrò chiaramente informati sugli sviluppi.

Un saluto da Orata4me